Globalart presenta “Il giorno dei morti per celebrare la vita”

La galleria d’arte Globalart presenta “Il giorno dei morti per celebrare la vita 2014”, dal 1 novembre al 5 novembre, alle ore 19,30, incontro con la messicanità e la presentazione di Rosa Didonna. La sensualità della terra e la fluidità dello scambio. Uniti alla solennità del rituale. È el dìa de los muertos, il giorno dei morti, il 2 novembre dei messicani. La festa è tutta per i morti e le loro anime, che tornano, e si celebra dai tempi della dominazione spagnola, Nquando il Mexico era ‘la terra di Mexitli’, il dio della guerra Azteco. La preparazione al distacco, l’esorcismo della paura, la beffa del destino, la parodia della morte. Una festa avvolgente, satura, esplosiva, senza sbavature, carnale nella spiritualità, irriverente nella solennità. Una vitalità che scongiura la tristezza e rompe i margini dell’ascetismo cristiano. L’altare che unisce il ricordo della perdita alla gioia del ritrovamento in un rituale furiosamente dolorifico e furiosamente ardente di vita. È la ‘messicanità’ del suo paese che l’artista Yanira Delgado allestisce presso la galleria GLobalart di Rosa Didonna, a Noicattaro, dal 2 al 5 novembre. Questo anno il allestisce il altare conil titolo “Due altare per le due Frida” di 7 piani, – i peccati capitali – da cui l’anima dovrà scendere, grondante di terra succosa e bagnata di memoria simbolica. Il melograno, sensuale e vivido, simbolo di resurrezione e salvezza, l’arancia, placida e succosa, simbolo del re-incontro, l’uva, femminea e polposa, simbolo della vita. I cempasúchil , i fiori della rinascita. Due specchi, la fugacità della vita, affinché le anime si possano riguardare, e teschi, las calveras, I teschi vivaci dai colori forti ed intensi, a cui vengono offerti i frutti e a cui viene dato da bere tequila, mezcal, pulque. Le tinte piene e corpose dell’artista riempiono l’aria di luce e vita. Al centro dell’altare, un busto infilzato da chiodi con ali leggere bagnate di oro, a ricordare la forza esplosiva di Frida Kahlo, artista messicana e guerriera del dolore, costretta tutta la vita in un corpo dilaniato e frammentato. Fa da sfondo un grande murales di scheletri festosi su cui ognuno, il giorno dell’inaugurazione, ha scritto un suo pensiero. I quadri alle pareti di artisti invitati: Natalia Alejandrina Blanco (Messico) e Chiara Scarpone (Termoli, IT). Mostre di cartoline di tutto il mondo con il tema “Frida tra la vita e la morte”. Per dirla con le parole di Octavio Paz, il messicano la morte “la frequenta, la prende in giro, l’accarezza, dorme con lei, la festeggia, è uno dei suoi giocattoli favoriti… “. Il messicano guarda “faccia a faccia la morte, impazientemente, con sdegno o ironia.” I messicani hanno nel sangue una capacità di sopravvivenza al dolore che li fa vivere costantemente in una cerniera tra la luce e l’oscurità, costantemente pronti ad onorare la morte per cantare la vita. La follia del sacrificio della storia scorre nella loro pelle, in questa sottile capacità di superare la ‘frontiera’ come una ‘invasione silenziosa’ a ricordare il sangue e l’appartenenza alla terra in ogni casa. Per info:Rosa Didonna Art Director GLOBALART Cell.347/1843201 Tel. 080/4782863 GLOBALART Via Ugo Foscolo 29- 70016 Noicattaro (BA) info@globalartweb.org www.globalartweb.org https://www.facebook.com/rosa.didonna.9 http://www.facebook.com/www.youtube.com /user/globalartdidonna www.rosadidonna.jimdo.com

globalart

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.