“Goodwood Revival”, mostra di Uli Weber a Lecce, fino al 30 settembre 2015

Si intitola “Goodwood Revival”, la mostra fotografica di Uli Weber dedicata al Goodwood Revival Festival, uno degli appuntamenti di corse automobilistiche storiche più celebri e amati al mondo.

La mostra è stata inaugurata ieri alle ore 20.30 presso il Museo Storico della Città di Lecce (via degli Ammirati n. 11) e coincide proprio con la riapertura al pubblico dell’importante contenitore culturale cittadino.
Goodwood Revival
è una selezione di bellissime immagini tratte dal volume fotografico realizzato da Weber (e pubblicato dalla prestigiosa casa editrice Skira) per un evento unico nel suo genere, dove le macchine e gli automobilisti in abito d’epoca riportano al clima tra l’inizio degli anni Trenta e la fine dei Sessanta del secolo scorso.

Weber ha iniziato a scattare foto a Goodwood (la tenuta del Conte March in West Sussex, Inghilterra) per puro piacere personale, prima di decidere di realizzare un vero e proprio volume fotografico dedicato all’evento, affascinato dall’idea che il Goodwood Revival Festival è sempre stato qualcosa in più di una semplice corsa di automobili storiche, un evento che brilla per la sua eccentricità e sofisticata eleganza. In altre parole, qui il fotografo di origine tedesca ha puntato il suo obiettivo sul glamour delle auto d’epoca, celebrando il prestigio e il fascino del motor racing nella nostalgia di un’era raffinata, quando il circuito del West Sussex era uno dei più prestigiosi d’Inghilterra, insieme a quello di Silverstone. I suoi scatti catturano, nello stesso tempo, la “miscela inebriante del romanticismo”, il fascino del contesto, la tensione emotiva e la seduzione delle battaglie in pista senza esclusione di colpi. Permettono di viverne l’atmosfera, ascoltare il rombo dei motori e annusare l’odore dell’olio Castrol nell’aria.

Un passo indietro nel tempo, quasi magico, che si crea per un weekend davvero speciale, ogni anno a settembre nella campagna inglese. A Goodwood ci si sente spesso dentro una vecchia pellicola e, infatti, dagli scatti di Weber emergono non solo le macchine, ma anche gli uomini e le donne che completano il cast di questa speciale rappresentazione vintage. La sua opera, ormai, è entrata a far parte della lunga storia della corsa britannica. Un volume (che ha una bellissima prefazione scritta dal Conte March, ideatore del Revival) apprezzato non solo dagli amanti della fotografia e dagli appassionati di auto storiche, ma anche dai nostalgici e dai fashion addicted. Non a caso, è stato celebrato da diversi articoli, anche nella stampa italiana (da Vogue Italia a Quattroruote a Icon).

Leccesi e turisti avranno la possibilità straordinaria di ammirare una selezione delle immagini del volume, grazie a questa mostra, che sarà aperta al Must sino al prossimo 30 settembre. Naturale il ritorno nel Salento di Uli Weber, dopo che nel 2012, con una mostra a Palazzo Vernazza tratta dal suo libro Portrait e un calendario di Lecce, aveva già reso omaggio alla città, riscuotendo un successo significativo.

“Sono molto contento di tornare a Lecce – ha dichiarato Uli Weber nella conferenza stampa di presentazione – e di portare le immagini di questo volume. Spero di aver trasferito nelle foto l’atmosfera di Godwood, il fatto di sentirsi in un film d’epoca, con le macchine, i costumi, persino l’autodromo che risale a quegli anni. E’ una mostra per gli amanti della fotografia e delle auto storiche, ma anche per i nostalgici e per chi in generale ama il fashion”. 

G.R. Goodwood revival - Uli Weber

Uli Weber Uli Weber2Uli Weber3 Uli Weber4

f

Biografia
Uli Weber è un artista di origine tedesca e londinese di adozione, ha studiato presso l’Istituto Europeo di Design a Roma ed è fotografo professionista dal 1990. Collabora con testate prestigiose come Vogue, Elle, The Sunday Times e le sue opere sono state ospitate, tra gli altri, dal Victoria and Albert Museum e dalla Saatchi Gallery di Londra.

Ivan Shaw, direttore della Fotografia di Vogue, ha spiegato che l’arte di Weber induce al confronto non solo con i grandi maestri della fotografia come Henri Cartier-Bresson e August Sander, ma anche con gli elementi e con le qualità grafiche di Renoir e Degas. Uli Weber è uno di quei pochissimi fotografi che hanno saputo distinguersi nella ritrattistica e nella moda, padroneggiando entrambe le discipline.

Nel suo percorso artistico le tappe fondamentali sono state Roma, dove ha studiato e imparato il mestiere, e Londra, dove ha saputo calarsi perfettamente nell’atmosfera della capitale della cultura pop del mondo alla fine degli anni Ottanta. Ma la svolta (anche mediatica) è arrivata nel 2010, con la pubblicazione del libro Portraits, a cui hanno fatto seguito numerose mostre, accolte con recensioni e apprezzamenti unanimi.  Weber è riconosciuto come un fotografo di classe mondiale e uno degli artisti più completi della sua generazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...