Biorestauro, batteri che puliscono l’arte

OggiScienza

imageARTE – “Conservare, non restaurare” asseriva Camillo Boito alla fine dell’800, ne I restauri in architettura. Ma non sempre è possibile, i tempi cambiano e quando diventa troppo tardi per correre ai ripari entrano in gioco i batteri restauratori.

Il biorestauro, sfruttando le proprietà dei batteri, è diventato una disciplina di grande interesse nel campo della conservazione e del recupero dei beni culturali, e nello studio del deterioramento causato da fattori organici e inorganici, in particolare microrganismi e circostanze ambientali. Le nuove frontiere della ricerca in questa direzione hanno dimostrato come l’utilizzo dei batteri possa portare a un livello di qualità e affidabilità anche molto superiore a quello garantito finora dai solventi convenzionali e dai tradizionali metodi di restauro. Si tratta di un’ottima soluzione, dunque, nel caso questi ultimi si rivelino inefficaci o pericolosi non solo per l’integrità dell’opera d’arte ma anche per la salute stessa degli operatori che…

View original post 390 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.