“Love and Life”, mostra di Marc Chagall a Catania fino al 14 febbraio 2016

La mostra “Love and Life” di Chagall, proveniente dall’Israel Museum di Gerusalemme, è arrivata al Castello Ursino di Catania e sarà visitabile fino al 14 febbraio 2016. Saranno esposti 140 lavori del grande artista: disegni, olii, litografie, acquerelli, acqueforti e gouache suddivii in otto sezioni tematiche.

Curata da Ronit Sorek e prodotta da Arthemisia Group in collaborazione con l’Israel Museum, la collezione racconta la poetica dell’artista ebreo influenzata dal suo amore per la moglie Bella e dal dolore per la sua prematura scomparsa, dalla cultura ebraica, dalle fiabe russe, dalla pittura francese delle avanguardie, dal sentimento profondo delle cose al di là delle loro apparenze.

La semplicità delle forme lo collega al primitivismo della pittura russa del primo ‘900 e con il passare del tempo il colore supera i contorni del quadro e, espandendosi sulla tela, prendono vita esseri o cose svincolati dalla legge della gravità

Scrive Jean Cassou nel catalogo di una mostra retrospettiva del 1933 alla Kunsthalle di Basilea: «Per lo spirito religioso di Chagall, tutte le cose sono legate le une alle altre, nell’universo, e tutto vi si collega. Questo è l’insegnamento di Spinoza e della Cabala, che allorché un uomo e una donna sono insieme i cieli si rallegrano. Poiché il motore di questa attiva solidarietà universale è l’amore[…]».

Biografia

Chagall nasce a Liosno (Bielorussia) nel 1887, e studia a Vitebsk all’accademia di Pietroburgo dove è allievo anche di Leon Bakst. Nel 1910 si trasferisce a Parigi. Conosce le nuove correnti del momento, particolarmente il Fauvismo e il Cubismo e si inserisce negli ambienti artistici d’avanguardia. Espone nel 1912 sia al Salon des Indépendants, che al Salon d’Automne, Delaunay e nel 1914 una personale presso la galleria Der Sturm. Il sopraggiungere della guerra nel 1914 lo fa rientrare a Vitebsk dove fonda l’Istituto d’Arte, di cui è direttore fino al 1920. Si trasferisce a Mosca e inizia a realizzare le decorazioni per il teatro ebraico statale “Kamerny”.

Nel 1924, presso la Galerie Barbazanges-Hodeberg ha luogo una importante retrospettiva di Chagall ma, in seguito all’ascesa del nazismo al potere in Germania, le opere vengono confiscate ai musei tedeschi e l’artista si rifugia in America. Tornerà a Parigi nel 1947. Nel 1962 disegna le vetrate per la sinagoga dello Hassadah Medical Center, presso Gerusalemme e per la cattedrale di Metz.

Muore a Saint-Paul-de-Vence nel 1985.

Orari: dal lunedì al venerdì ore 9.00 – 22.00. La biglietteria chiude un’ora prima. Biglietti: intero € 12.00 – ridotto € 10.00 – universitari € 8.00 – scuole € 5.00.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...