Dialoghi. Pascali e Bonalumi, Castellani, Fontana, Manzoni, Polignano a mare fino al 24 gennaio 2016

In occasione dell’80esimo anniversario dalla nascita di Pino Pascali, la Fondazione Pascali è stata inaugurata a Polignano a mare, il 17 ottobre scorso, una mostra di carattere storico: “Dialoghi. Pino Pascali e Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Lucio Fontana, Piero Manzoni” a cura di Rosalba Branà e Roberto Lacarbonara.

L’esposizione mette a confronto alcune tra le più importanti personalità dell’arte contemporanea del ‘900, nati a pochi anni di distanza – Pino Pascali (1935/1968), Agostino Bonalumi (1935/2013), Enrico Castellani (1930), Lucio Fontana (1899-1968) e Piero Manzoni (1933/1963) – e formatisi in ambiti linguistici ed espressivi diversi, ma dalla interessante convergenza di ricerca ed esiti formali. È la nuova generazione di artisti che, nata negli anni ’30, stravolge il linguaggio e le regole dell’arte. Su di loro la preziosa influenza e il carisma di Lucio Fontana con le ricerche sullo spazialismo.

Il 1968 è l’anno in cui scompaiono Pascali e Fontana, chiudendo così un’epoca fondamentale per la ricerca e l’innovazione linguistica.

La mostra presenta una ristretta ma significativa selezione di opere necessarie ad avviare una riflessione critica su quanto accadeva tra la fine degli anni ’50 e il decennio successivo tra Milano e Roma.

Dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma giunge a Polignano la grande opera di Pascali ‘La ricostruzione del dinosauro’ (1966) appartenente al ciclo delle finte sculture. L’opera si impone invadendo lo spazio con tutta la sua ampiezza; in modo straordinario, e nella sua massima espressione, con l’opera in tela centinata Pascali svincola la scultura dall’idea di monumentalità, rendendola leggera e modulare, ribaltando concetti peculiari di peso e sacralità.

Pascali riesce a coniugare abilmente le ricerche sull’azzeramento del linguaggio – che in Italia si sviluppano a partire da Fontana – con il suo personale immaginario di origine mediterranea nel quale la semplicità delle forme e l’arcaicismo primitivo di un rinnovato “bestiario medievale” affiorano dando vita ad un linguaggio assolutamente autonomo.

Tra la fine degli anni ’50 e metà degli anni ’60 l’arte italiana soprattutto a Roma e Milano, vive dunque una stagione particolarmente brillante che vede riunite più generazioni di artisti, operanti fianco a fianco, accomunate dall’attualità di un’apertura sperimentale innovativa nelle più diverse direzioni.

Bonalumi e Castellani danno vita ad un percorso di ricerca sulle infinite possibilità spaziali fornite dall’estroflessione della tela che ha ormai superato i confini della cornice e dilaga nell’ambiente. Manzoni, il più materico e il più concettuale, sceglie come materiale prediletto il cotone e il caolino per realizzare i suoi «Achromes». Fontana taglia e buca la tela per far sì che lo spazio possa invaderla, attraversarla, superarla. Pascali inizia invece a concepire le “finte sculture”: le immagina sin da subito monocrome, bianche o nere, e adopera una tela bianca disposta con una certa tensione sulle centine sottostanti per evidenziarne la struttura, lo scheletro di base. Se Manzoni, Bonalumi e Castellani proseguiranno una ricerca legata all’azzeramento della forma a favore dello spazio, a Pascali toccherà invece il compito di “ricostruire” un nuovo concetto di scultura partendo radicalmente da un punto zero.

Info:

La mostra rimarrà aperta fino al 24 gennaio 2016.

Orario: dal martedì alla domenica ore 11-13 / 17-21. Lunedì chiuso.

Visite su appuntamento, tel 080.424.9534 -333.2091920

(La biglietteria chiude mezz’ora prima del museo – biglietto 2 euro più eventuali riduzioni a chi ne ha diritto).

FONDAZIONE MUSEO PINO PASCALI

VIA PARCO DEL LAURO 119 – 70044 POLIGNANO A MARE (BA) – PH/fax: +39 080 4249534

www.museopinopascali.it   segreteria@museopinopascali.it

press: Santa Nastro +39 3928928522 snastro@gmail.com

Web | stampa@museopinopascali.it

Fonte: Fondazione Pino Pascali

Annunci

9 pensieri riguardo “Dialoghi. Pascali e Bonalumi, Castellani, Fontana, Manzoni, Polignano a mare fino al 24 gennaio 2016

  1. Grazie per questa “chicca”… non ne ero a conoscenza. Polignano è ad un tiro di schioppo da dove abito eppure non ne se n’è sentito parlare… Ciao, Piero 🙂

    1. Prego Piero 🙂
      Come va?
      Io ho traslocato, tutti i pacchi sono in casa e li sto sistemando. Ma quanta roba abbiamo nelle nostre case?
      Mi sono ripromessa di non acquistare più nulla!!! Aiutooooooo
      Mi sembra di far parte di quel programma americano, “Vite sommerse” (0vviamente sono cose nuove, non spazzatura) 😉
      Questo per dire che mi sento circondata da tante cose utili ma inutili al contempo, non so se mi sono spiegata bene…
      Ciao e buon sabato! 🙂

      1. Ahhh il trasloco… quando ero a Milano, in 17 anni, ne ho fatti tre… so cosa vuol dire! Ci metti un secolo a ritrovare la bussola…
        Il bello è che conserviamo un mare di cose che poi, al momento di impacchettare, ti chiedi “perché”!
        Ti sei spiegata benissimo!
        Ti auguro di venirne fuori al più presto…
        Buon sabato a te… 🙂 Piero

      2. Tre? 😦 o mamma…
        Verissimo, è proprio così. Io me ne sono accorta stavolta.
        E’ la terza volta in 5 anni che cambio città… motivi di lavoro
        Buona giornata, ciao 🙂

      3. La base era sempre Milano a causa di trasferimenti della sede da un quartiere all’altro, cambiavano notevolmente le possibilità di accesso, soprattutto la mattina nell’ora di punta. Hai mai sentito parlare della Lainate-Como-Chiasso? Be’ per cinque lunghi anni, per percorrere 30 Km ci mettevo due ore e mezza – tre!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...