Artista della settimana: Marco Pagliero

Marco Pagliero è nato nel 1980 a Saluzzo (CN) dove ancora risiede. Attualmente lavora a Cuneo.
Nel 1998 si è diplomato al Liceo Artistico Ego Bianchi di Cuneo. Nel quale, tra gli altri, hanno insegnato artisti quali Claudio Berlia, Daniele Guolo e Mario Mondino. Successivamente ha seguito i corsi di pittura e scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Contemporaneamente ha frequentato il centro sperimentale di cinema “Immagina” diretto da Giuseppe Ferlito. Nel frattempo tra il 1998 e 2000 ha partecipato a numerose collettive a Nizza, Firenze, Torino e Rende utilizzando pseudonimi per permettersi di sperimentare in varie tecniche senza mai doversi presentare personalmente. Nel 2001 realizza la prima mostra personale dal titolo “mentalmente stabile” all’Achille Café di Torino con il proprio nome e riscuotendo un ottimo successo di pubblico e critica.

Nel 2001 realizza il primo cortometraggio in pellicola dal titolo “Linea di Fronte” presentato al Torino Film Festival come opera giovani e in numerose rassegne cinematografiche, fino a raggiungere nel 2003 la candidatura al Golden Italia come miglior opera prima. Collabora poi come assistente operatore al film di Luca Barbareschi “Il trasformista” e successivamente al film “di letto in letto”. Come fotografo di scena ha lavorato per il film americano “The Etruscan Mask”.

Prosegue inoltre l’esperienza di regia e sceneggiatura con varie opere sperimentali tra le quali ”Nosce te ipsvm” e “Le terre senesi”. Dal 2003 al 2007 ha collaborato con il pittore Daniele Fissore come assistente in studio. Ha partecipato alla realizzazione della serie “riflessi sulle tv spente” dello stesso pittore. Ha proseguito le esperienze collettive di pittura al Valsusart nel 2005 arte expo di Saluzzo e al concorso Annibale Galateri di Genola dove si aggiudica il primo premio per arte Figurativa.
Eclettico e continuo sperimentatore di tecniche e soggetti nuovi, poliedrico in tutte le arti dal cinema alla sceneggiatura, dalla pittura alla poesia. Qualsiasi forma di espressione è per lui fonte di ispirazione e divertimento per emozioni sempre nuove. I fondamenti della sua ricerca artistica risiedono nell’analisi sociale e dell’ambiente naturalmente urbano, nell’attenzione ai risvolti concettuali estetici della tecnica pittorica e all’intimo e personale gusto estetico e poetico. Le prime forme espressive sperimentate si sono concentrate sullo studio della storia dell’arte e della nuova interpretazione dei classici dell’arte da Caravaggio e Botticelli da Picasso a Munch fino a giungere ai più recenti De Chirico e Duchamp. La sperimentazione è poi giunta attraverso alla scarnificazione del concetto dell’opera lasciando solo più spazio alla pura estetica formale, con suggestione poetica fine all’istante dell’immagine focalizzata.

Il cielo sovrasta la vista di ogni passaggio, il cielo è decorato di nuvole per poter indebolire il senso di impotenza che l’uomo ha di fronte, al bucolico senso della vita. Le nuvole sono il confine del cielo per chi guarda dal basso, sono un soffice intangibile muro verso l’infinito che nessuno possiede e tutti ammirano … Dio o chi per lui ha meditato il confine del pensiero come una soffice luce che volteggia sopra noi…. Non importa cosa accada sotto e chi sia a deciderlo …superiori a tutti e tutto le nuvole scrivono poesie in ogni tempo.

 

Il cielo sopra Torino non può che essere granata

Il cielo sopra Torino non può che essere granada

Marco Saluzzo2

Saluzzo, cielo innaturale

L'aereo che avrebbe potuto abbattere il barone rosso.jpg

L’aereo che avrebbe potuto abbattere il barone rosso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.