La creatività non è importante solo per i più piccoli: scopriamo perchè

Paolo Guaramonti

Rispetto all’invecchiamento e al vivere le decadi successive al superamento del cinquantesimo anno non si può negare, come individua James Hillman nel suo “La forza del carattere”, l’esigenza di un cambiamento importante rispetto alla prospettiva con cui abitualmente guardiamo all’invecchiamento, tanto che “le idee che abbiamo sulla vecchiaia hanno bisogno di essere sostituite”.

download

Dominano infatti i pregiudizi negativi sull’anziano e in generale e sulla capacità di poter essere creativi anche nelle età successive a quella adulta. Abbondano invece luoghi comuni acritici e stereotipi che contribuiscono a costruire una realtà in cui gli anziani sono percepiti e si percepiscono come anomali, mancanti di qualità possedute dagli adulti e compromesse con l’andare degli anni, appiattiti in una omogeneità in cui si perdono le differenze individuali, secondaria alla unicità esistenziale di ciascuno. Non esiste l’anziano ”cristallizzato” e stilizzato in una figura astratta ma, per contro, ci sono “gli anziani”…

View original post 426 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...