“La storia di Nina”, mostra personale di Valerio Berruti. Alba (CN) dal 6 ottobre al 25 novembre 2018

Ricevo e condivido (a cura di Arturo Galansino)

Info

La meravigliosa chiesa medievale di San Domenico di Alba nel corso della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba torna ad essere un luogo dedicato all’arte contemporanea.

Sarà Valerio Berruti – che già nel 2011 ha esposto nella chiesa albese l’installazione site specific “La rivoluzione terrestre” – a presentare, nel periodo in cui la città di Alba diventa meta di un turismo internazionale, il suo ultimo progetto artistico.

Berruti è un artista noto per le sue immagini essenziali ispirate al mondo sospeso dell’infanzia, il momento della vita in cui tutto deve ancora avvenire. L’artista utilizza diverse tecniche dall’affresco alla scultura passando per la videoanimazione formata da disegni uniti in sequenza.

La personale “La storia di Nina”, a cura di Arturo Galansino, racconterà la creazione del nuovo lavoro cinematografico di Berruti “La giostra di Nina”, un’opera che lega nuovamente il suo tratto lieve all’animazione mettendo in sequenza circa 3000 disegni così da farli diventare fotogrammi di un video. A differenza delle precedenti animazioni, presentate in loop, il nuovo cortometraggio animato ha una sceneggiatura articolata, tratta da un racconto di Filippo Bessone. I protagonisti del cortometraggio animato sono Nina, una piccola giostraia costretta a lavorare dall’arcigno nonno e Geppo, un ragazzone dall’animo infantile che crea scompiglio tra i clienti della giostra di paese. Il provincialismo, la rassegnazione e la paura del diverso si trasformano in desiderio di rivalsa in questo piccolo concentrato di poesia.

«E’ la prima volta che Sky Arte si lancia nella produzione di un film d’animazione. – dichiara il direttore di Sky Arte Roberto Pisoni – Quello che ci ha persuasi fin dal primo incontro con Valerio Berruti è la sintonia sul progetto artistico complessivo: partire da una piccola storia, radicata nel territorio, e farla germogliare in direzioni inaspettate. “La giostra di Nina” è insieme un film d’artista e una favola dolce e selvaggia, un’animazione che rinuncia ai software digitali e un apologo sul mondo contemporaneo, una scultura pubblica e una serie di performance potenzialmente infinite ».

La musica, unico elemento sonoro in questo cortometraggio senza parole, è un elemento fondamentale. Spetta a Ludovico Einaudi – straordinario compositore amato da Berruti e coinvolto dall’artista fin dalla stesura del progetto – legare movimento e armonia e sottolineare i momenti salienti dell’animazione.

«Quando Valerio mi ha fatto vedere il bozzetto del progetto sono rimasto subito incantato dalla sua forza poetica e ho subito cominciato a fantasticare. – Afferma Ludovico Einaudi – La giostra è un’immagine simbolicamente molto forte, ed anche una grandiosa forma di ispirazione creativa. Mi sono immaginato di dargli un’anima musicale con un tema circolare come se fosse una spirale infinita».

In occasione del finissagesabato 24 novembre alle ore 21, la Chiesa di San Domenico ospiterà un dialogo tra Ludovico Einaudi e Valerio Berruti , uno speciale appuntamento – ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti e previo accreditamento sul sito www.fieradeltartufo.org – in cui musica e arte si fondono. Durante l’incontro Ludovico Einaudi suonerà dal vivo il tema scritto appositamente per “La giostra di Nina”.

Per disegnare i fotogrammi che compongono l’animazione Berruti ha realizzato un’opera d’arte, ispirata alle tipiche giostre a carosello, del diametro di 7 metri plasmando personalmente ogni componente, scolpendo e affrescandone ogni dettaglio. “La giostra di Nina è essenzialmente una storia che parla di libertà: ho pensato di rappresentare degli uccellini al posto dei soliti cavalli perché, in qualche modo, ognuno dei protagonisti riuscirà a spiccare il volo.” – Dichiara Valerio Berruti e prosegue: “Per la prima volta i più piccoli non sono il mio soggetto privilegiato, ma lo è uno dei principali simboli dell’infanzia. Questa mostra permetterà a tutti i bambini di diventare parte integrante della mia opera salendo sugli uccellini e completando così, con un atto performativo, la mia installazione.”

Nella mostra albese sarà presente la grande installazione “La giostra di Nina”, alcuni fotogrammi che compongono il cortometraggio, un video d’arte estrapolato dal corto animato e un estratto del documentario ideato da Francesca Priori per Sky Arte che racconterà l’intero progetto.

Sky Arte, infatti, ha seguito questo progetto fin dall’inizio realizzando anche un intenso documentario in cui la narrazione è affidata alla voce dello stesso Berruti che ripercorrerà la complessa genesi del film a partire dalla creazione di “La Giostra di Nina”, l’opera monumentale che ha dato il via a questo progetto artistico originale, complesso e di lunga gestazione. Protagonisti del documentario anche il musicista Ludovico Einaudi, autore della colonna sonora del cortometraggio, e lo storico dell’arte e curatore Arturo Galansino.

«Il lavoro di Valerio è in grado di parlare al mondo intero tenendo i piedi piantati nelle Langhe. – Commenta il curatore, nonché Direttore Generale dal 2015 della Fondazione Palazzo Strozzi a Firenze, Arturo Galansino – Con La Storia di Nina le poderose navate gotiche di San Domenico saranno pervase dalla leggerezza di una favola e dalla gioia del pubblico invitato a farne parte. Sono felice di contribuire a questo poetico progetto culturale che andrà ad arricchire un evento internazionale così importante per il territorio come la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba»

Per l’occasione sarà pubblicato un libro pubblicato da Gallucci Editore dal titolo La storia di Ninacontenente un testo critico di Arturo Galansino, uno scritto di Roberto Pisoni, un testo di Francesca Priori e il manoscritto della partitura di Ludovico Einaudi. In mostra sarà possibile acquistare il carillon in tiratura limitata, di circa 25 cm di diametro e realizzato in porcellana, che riproduce “La giostra di Nina” di Berruti e il tema musicale ideato appositamente da Ludovico Einaudi. Il ricavato dalla vendita dei carillon sarà interamente devoluto all’Associazione Missione Autismo composta da famiglie di bambini e ragazzi affetti da autismo e disabilità intellettive.

La mostra è promossa e realizzata da Città di Alba, Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, Ente Turismo Alba Bra Langhe e Roero con il sostegno di Regione Piemonte, Lavazza e Film Commission. L’allestimento è realizzato con la preziosa collaborazione di Capellino design & partners. Il video presente in mostra è ideato e curato da Francesca Priori e realizzato da Studio Roundabout per Sky Arte con la collaborazione di Paolo Gai per i video e Tino Gerbaldo per le fotografie.

INFO AL PUBBLICO:
La storia di Nina– mostra personale di Valerio Berruti
Chiesa di San Domenico, Via Calissano – ALBA (Cn)
la mostra è visitabile dal 6 ottobre al 25 novembre 2018
dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 17.00 – sabato e domenica dalle 10.00 alle 18.30 inaugurazione aperta al pubblico: sabato 6 ottobre alle ore 17.30
ingresso gratuito www.fieradeltartufo.org Tel: 0173 361051

ufficio stampa degli eventi culturali della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba
Elisa Giordano Cocchi Ballaira
email: ufficiostampa@fieradeltartufo.org elisagiordano.press@gmail.com cocchi.ballaira@adfarm.it
Tel: 333 8727763 | 335 6831591

La storia di Nina di Valerio Berruti

Annunci